Festa del papà tra San Giuseppe, zeppole e falò


La Festa del Papà ha origini americane in quanto fu celebrata per la prima volta a Washington quando una giovane donna decise di dedicare un giorno speciale a suo padre organizzando la festa per la prima volta il 19 giugno del 1910.

Agli inizi infatti la festa del papà ricorreva nel mese di giugno e ancora oggi nei paesi anglosassoni la festa del papà ricorre la terza domenica di giugno.
Successivamente in molti paesi di tradizione cattolica, si decise che la Festa del Papà sarebbe stato più adatta festeggiarla il 19 marzo, in concomitanza con la Festa di San Giuseppe che nella tradizione popolare oltre a proteggere i poveri, gli orfani e le ragazze nubili, è anche il protettore dei falegnami.

In Italia la Festa del Papà è stata istituita nel 1968 e fino a poco tempo fa era festa nazionale, successivamente è stata abrogata anche se continua ad essere un'occasione per le famiglie e soprattutto per i figli, festeggiare i loro padri con regali e pensieri di riconoscenza e di esprimere affetto e stima nei confronti del proprio genitore. 
Il simbolo di questa festa sono le rose: rosse se il genitore è ancora in vita e bianche in caso opposto.


La festa del 19 marzo è caratterizzata inoltre da due tipiche tradizioni che si ritrovano un po' in tutte le regioni d'Italia: i falò e le zeppole
Poiché la celebrazione di San Giuseppe coincide con la fine della stagione fredda e l’inizio del periodo più fertile, si è sovrapposta ai riti di purificazione agraria di tradizione pagana. 
In quest' occasione, infatti, si bruciano i residui del raccolto sui campi ed enormi cataste di legna vengono accese ai margini delle piazze. 
Quando il fuoco sta per spegnersi, alcuni lo scavalcano con grandi salti, e le vecchiette, mentre filano, intonano inni per San Giuseppe. 

Questi riti sono accompagnati dalla preparazione delle zeppole, le famose frittelle che pur variando nella ricetta da regione a regione, sono il piatto tipico di questa festa. Realizzate con pasta simile ai bignè e di forma schiacciata, possono essere fritte o al forno e decorate con crema pasticcera e marmellata di amarene. 

La celebrazione del 19 marzo cade nel mezzo del periodo quaresimale ma è l’unica ricorrenza per la quale è lecito, sin dal Medioevo, interrompere momentaneamente tale periodo di rinunce alimentari che dura sino al periodo pasquale.

In occasione della ricorrenza della festa del papà, vieni a trovarci, speciali idee regalo ti aspettano!

ww.fraviva.com

Nessun commento:

Posta un commento