Capelli che cadono in autunno?

Capelli che cadono, si spezzano o appaiono più sottili e sfibrati.
L'autunno è un periodo di transizione e cambiamento,  anche per i nostri capelli che tendono a indebolirsi e cadere.

Il problema è comunissimo e si protrae,  in genere,  fino alla fine di novembre. 
In questo periodo,  i capelli che cadono aumentano di solito del 20-30 % in più rispetto al resto dell'anno e la problematica colpisce soprattutto le donne.

Ma come intervenire per bloccare la caduta?

1) Intervenire attraverso l'alimentazione

  Il modo migliore per fermare i capelli che cadono è lavorare a livello preventivo,  intervenendo sull'alimentazione. 
In particolare,  i nutrienti migliori per evitare la caduta dei capelli autunnale sono: le vitamine del gruppo B, presenti nei cereali, nel lievito di birra, nel tuorlo d'uovo; la vitamina H, contenuta nel riso integrale e nella frutta fresca, lo zolfo, silicio e zinco.

2)  Ricorrere ai rimedi naturali.

    Impacchi con olio di germe di grano e oliva possono contribuire alla nostra causa,  così come anche frizionare sul cuoio capelluto del succo d'ortica, che rigenera i capelli e ha anche un'azione riequilibrante della produzione di sebo. 

In particolare,  il massaggio è una delle soluzioni migliori per contrastare la caduta dei capelli e stimolare il flusso sanguigno dei capillari locali. 
Il follicolo,  irrorato e nutrito,  ripristina i processi metabolici del capello.

Il massaggio potete effettuarlo utilizzando la Lozione Anticaduta Apiderma la cui ricetta è ottenuta per estrazione di piante officinali quali ginseng, ortica,  luppolo e di prodotti delle api come la propoli. Massaggiate la lozione sul cuoio capelluto, esercitando con i polpastrelli una pressione graduale ma decisa sulla zona prescelta. 
Se però la caduta dei capelli si protrae per il resto dell'anno,  potrebbero esserci dietro cause ben diverse,  tra cui fattori ormonali, condizioni mediche particolari o un eccesso di stress.
www.fraviva.com

Lozione anticaduta Apiderma


Nessun commento:

Posta un commento