Una chiacchieratina sulla cellulite

Se avete del grasso che non se ne va, nonostante le diete e la ginnastica, è probabile che non si tratti semplicemente di grasso. Forse avete la cellulite, uno dei problemi più comuni, sgradevoli e noiosi del corpo umano. E' talmente comune, infatti, che circa otto donne si dieci, di tutti i paesi e di tutte le età, sono chiaramente affette da quegli antipatici gonfiori granulosi che caratterizzano la cellulite.

Probabilmente avrete visto centinaia di casi di cellulite e avrete pensato che fossero solo normali accumuli di grasso flaccido: le cosce alla "calzoni da cavallerizzo", le natiche con protuberanze ai lati, le gambe con bozzi e tremolanti come ricotta, le ginocchia piene di piccoli noduli… bene, tutte queste deformità sono causate dalla cellulite, non dal grasso.

Cos'è esattamente la cellulite?

La cellulite è quel grasso che non riuscite a perdere.
Mentre il grasso normale lo si perde con uno dei soliti regimi di dieta e ginnastica, la cellulite no, perché è qualcosa di più del semplice grasso. 
E' una sostanza gelatinosa, fatta di grasso, acqua e scorie di rifiuto, che ristagna in inamovibili sacche granulose sottocutanee. Queste sacche di grasso si comportano come spugne che possono assorbire grandi quantità di acqua, gonfiarsi formando sporgenze dall'aspetto rugoso e flaccido.
Dato che la cellulite non è un grasso normale, nemmeno la dieta più rigida serve a eliminarla. 
Quando la normale quantità di cibo ingerita viene ridotta, il corpo automaticamente brucia le proprie riserve di grasso. Con una dieta ipocalorica, il grasso sparirà da molte zone ma le gibbosità della cellulite restano. Non bruciano come grasso normale. 
La dieta per la cellulite purifica il corpo dagli eccessi di grasso e dalle sostanze tossiche di rifiuto senza costringerlo a bruciare il grasso nei punti in cui non è necessario. Questa dieta evita i cibi che gravano su un organismo già sovraccarico e che contribuiscono alla formazione della cellulite.

Zone tipiche soggette alla cellulite

Mentre il grasso normale si distribuisce su tutte le parti del corpo, la cellulite sembra preferire certe zone particolari:
  • la parte interna, quella alta e posteriore delle cosce
  • la parte interna delle ginocchia
  • l'addome
  • i fianchi
  • le natiche
  • i lombi
  • la parte interna e posteriore delle braccia
  • le caviglie
  • la schiena sotto le scapole.
La cellulite colpisce quindi punti particolari, non persone particolari. 
Infatti sono vulnerabili donne di qualsiasi forma e dimensione, di qualsiasi peso e di qualsiasi età. 
La cellulite non ha pregiudizi!



Rinforzare le ciglia per renderle sane e folte

Ti sei accorta di perdere le ciglia? Le trovi nel lavandino o sull'asciugamano dopo aver deterso il viso? Le tue ciglia sono diventate fragili ma niente paura, con i nostri rapidi consigli, efficaci e naturali, potrai in poche mosse ritornare ad avere ciglia più sane e forti.

Innanzitutto diamo un rapido sguardo all'alimentazione.
Mangiare cibi sani è imperativo, quindi al bando tutti quelli raffinati e confezionati come snack, merendine etc. e mangiamo cereali e verdure rigorosamente crude.

Assumiamo Vitamine!

Per la bellezza di occhi e dintorni sono indicate le Vitamine A, D, C, E e del complesso B.

..e Sali Minerali!

Complesso rame-oro-argento (oligoelementi) e selenio, magnesio, zinco.

Rimedi Naturali?

Utilizziamo olio di ricino che prezioso alleato per capelli e unghie, sarà indispensabile anche per rinforzare le nostre ciglia. 
L'olio di ricino idratante e rinforzante, conferirà volume e lucentezza alle ciglia deboli e stressate. 
Usiamo un pennellino apposito, oppure utilizziamo lo scovolino di un mascara ben pulito e asciutto. 
Applicate delicatamente una piccola dose di olio spazzolando le ciglia, dalla radice alla punta. L'operazione va fatta tutte le sere prima del riposo notturno e prima di essersi struccate. 
Usate preferibilmente un olio di ricino puro ed estratto a freddo e non esagerate con le quantità per evitare di dare fastidio agli occhi.

Infine, non dimentichiamo…

Di struccarci sempre e non andare mai a dormire con il mascara sugli occhi perché tende a seccare e quindi indebolire le ciglia che cadranno o si spezzeranno. 

Evitiamo di abusare del piegaciglia perché utilizzato troppo spesso rende le ciglia fragili.

Evitiamo di usare un mascara waterproof perché per essere rimosso necessita inevitabilmente di più sforzo e causa quindi maggiore stress alle ciglia.



Scrub Mani

Le temperature gelide di questi giorni mettono davvero a dura prova le nostre mani che così si seccano tendendo a screpolarsi.

Solo l'applicazione di una buona crema nutriente e trattamenti semplici e facili da preparare, possono garantirci delle mani morbide e lisce come seta.

Oggi per voi abbiamo preparato per le mani uno scrub rapido al limone e zucchero, adatto a tutti i tipi di pelle.

Provatelo e vedrete che risultato!

Ingredienti:
20 ml. di succo di limone
1 - 2 cucchiai di zucchero

Preparazione:
Mescola il succo di limone con lo zucchero e procedi subito allo scrub.
Massaggia delicatamente sulle mani, risciacqua e asciuga.
Concludi applicando un po' di crema per le mani Apiderma al miele, polline e cera d'api per delle vere mani di fata.



Come rinforzare le unghie


I mesi invernali mettono a dura prova le unghie che, diventando più fragili, si sfaldano e si spezzano con maggiore facilità.
Come possiamo fare per intervenire in maniera semplice, rapida e con ingredienti che nella maggior parte dei casi sono già a nostra disposizione?
Volete un consiglio di bellezza in pillole?
Tagliatele corte e massaggiatele ogni sera con olio di oliva o di ricino, vedrete come si rinforzeranno! 



Mani a prova di fata? No, di regina!


Facilmente trascurate, le mani sono una parte molto delicata del nostro corpo. 
Compriamo creme per il viso, cosmetici rassodanti, trattamenti per capelli ma per le mani si dedicano sempre poco tempo ed energie.

Sempre esposte agli attacchi atmosferici del tempo, allo stress dei lavaggi frequenti e all'aggressione di prodotti chimici e detersivi, le mani necessitano della nostra cura e attenzioni, a maggior ragione quando sono costrette a sopportare il freddo e il gelo invernale di questi giorni.

Secche, irritate e screpolate, così infine si presentano quando togliamo e indossiamo i guanti, a seconda degli ambienti riscaldati o meno in cui entriamo ed usciamo, durante le nostre passeggiate all'aperto.

Allora corriamo ai ripari, acquistiamo una crema per le mani, la applichiamo ma rischiamo di ritrovarci dinanzi a due scenari: 1) una crema che unge perché dalla consistenza troppo pesante e densa; 2) una crema poco efficace perché non abbastanza nutriente e idratante.

Ciò però accade fino a quando non scopriamo la crema mani Apiderma, a base di miele, polline e cera d'api, prodotta secondo un'antica ricetta dei monaci benedettini dell'abbazia di Torrechiara.





Descrizione: 


La crema mani Apiderma protegge e nutre la pelle senza ungere, dona elasticità e morbidezza ai tessuti, idrata a fondo le mani rendendole lisce e levigate.

Risultato:

Le mani beneficeranno dell'azione rinnovatrice e levigante del miele, le irritazioni e le infiammazioni pian piano si attenueranno, i danni procurati dal freddo e le screpolature verranno curate dall'azione rigeneratrice del miele, polline e cera d'api.
Otterrete come risultato mani morbide, idratate, nutrite, schiarite dai rossori, lisce e non unte.




Caratteristiche:

A base di miele, polline e cera d'api, analizziamo più da vicino questi preziosi doni delle api…

Il miele ha capacità lenitive, protettive e idratanti. Il suo alto valore cosmetico risiede soprattutto nella sua azione emolliente e nutriente.

Il polline ha effetto emolliente e idratante.

La cera d'api svolge un'azione protettiva sulla pelle, evita l'eccessiva disidratazione e consente una migliore elasticità.

Curiosità:


Da anni è la crema mani preferita di una regina; per ragioni di privacy non possiamo dare il nome ma noi cogliamo l'occasione per ringraziarla e a voi tutti consigliamo di provare. 
Crema a prova di fata? No, di regina...